Banana matura o no?

Quasi verde, giallo intenso o “tigrata”? Ognuno ha i suoi gusti in fatto di banane, ma c’è qualcosa di sorprendente da sapere sulle banane mature. Quando una banana arriva a maturazione (diventa “tigrata”, come dicono in tanti) scatta il cosiddetto fattore della necrosi tumorale. Della banana, sia chiaro. E non è nulla di preoccupante e pericoloso, anzi. I nutrizionisti, difatti, sottolineano che più sono le macchie sulla buccia del frutto, più il nostro organismo ci ringrazierà se lo mangiamo. Perché proprio in quel processo in atto ci sono diversi “segreti”.

Uno studio giapponese, per citarne uno, ha messo in evidenza che proprio quella necrosi tumorale ha per l’uomo proprietà anti cancro e rafforza il sistema immunitario. Benefici, spiegano gli esperti, direttamente proporzionali al livello di maturazione della banana. Quindi, stando agli studi, più matura è la banana più intensa è la sua forza anti tumorale, proprio perché con la maturazione aumentano le sue proprietà antiossidanti. Inoltre, cambia il suo contenuto di amido e aumenta la percentuale di zuccheri semplici e proteine.

I ricercatori giapponesi hanno anche messo a confronto la banana con altri frutti ugualmente maturi, come mela, uva, ananas e anguria giungendo ad accertare che è proprio la banana a vantare maggiori proprietà benefiche per l’organismo umano: analizzando valori e stato di salute dei pazienti che si sono sottoposti ai vari test è stato dunque accertato che quelli che hanno consumato maggiormente banane hanno visto rafforzato il proprio sistema immunitario. Di qui la raccomandazione di consumare una o due banane mature al giorno, andando anche a migliorare la resistenza a raffreddori e influenza.

Tornando alla necrosi prima citata, è bene precisare che si tratta di citochine, sostanza liberata da determinate cellule del nostro sistema immunitario che hano potenti effetti su altre cellule. Per esempio, sono molto utili nella lotta alle cellule tumorali. Una funzione comparata agli immunostimolanti chimici.

Ma non è tutto qui. Le banane hanno benefici anche sull’apparato digerente. Prima di tutto perché una banana contiene circa 3 grammi di fibre che facilitano la circolazione degli alimenti nella digestione. Poi, facilita la produzione di batteri che facilitano la digestione. Inoltre, aiuta a solidificare le feci apportando elettroliti che si possono perdere in caso di minore compattezza delle stesse. Noto è, infine, il loro contenuto di potassio, che aumenta nelle banane mature, sostanza benefica per le ossa, per regolare i livelli di pH e calcio nel sangue. Non vanno dimenticati gli studi secondo i quali il potassio aiuta a prevenire l’osteoporosi.

Dunque, tante ragioni per non buttare via le banane quando sono mature. Anche in questo caso la natura “smonta” il facile consumismo e lo spreco alimentare.